Descrizione

UN PICCOLO SPACCATO DELLA NOSTRA SOCIETA' IN CONTINUA EVOLUZIONE, CON UN OCCHIO DI RIGUARDO AL RISPETTO DELLE PERSONE E ALLA NOSTRA MADRE TERRA...

seguimi

SEGUI E VOTA PENSIERO NATURALE SU :

Evasione Fiscale

ANCHE IL CITTADINO DEVE PARTECIPARE ALLA LOTTA ALL'EVASIONE FISCALE RICHIEDI SEMPRE LO SCONTRINO E/O RICEVUTA FISCALE, E' UN TUO DIRITTO!!!

Lettori fissi

mercoledì 11 aprile 2012

Caro Nino, qui si fa l' ITALIA o si muore !!!

LA PATRIA NON SI BARATTA, NE' SI VENDE !!!
( Generale Giuseppe Garibaldi )


23 commenti:

  1. Te lo sai vero che il suffragio universale in Italia è stato introdotto solo nel 1946 e che nel 1848 (l'epoca di Garibaldi) solo il 2% della popolazione aveva diritto al voto...

    RispondiElimina
  2. Mi dispiace per te (se non credi all'Italia), ma il NOSTRO paese esiste, e quando non ci saranno i Vari Gratta Gratta Magna Magna, l' Italia sarà ancora più bella. Saluti.

    RispondiElimina
  3. caro max tutto vero il solo problema è cacciare i Vari Gratta Gratta Magna Magna,

    RispondiElimina
  4. Boh e cosa c'entra con Garibaldi?

    RispondiElimina
  5. E poi "la patria non si baratta" si riferiva alla cessione di Nizza alla Francia da parte di Cavour, vedi:
    "Nel 1860 Nizza fu nuovamente annessa alla Francia in seguito agli Accordi di Plombières (1858) e al Trattato di Torino (1860), come compenso territoriale, assieme alla Savoia, per l'aiuto dato dalla Francia al Risorgimento Italiano."

    Ulteriori spunti di riflessione qui:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Revisionismo_del_Risorgimento

    RispondiElimina
  6. @ Lorenzo: scusami, ma quando aprirai bene gli occhi ti renderai conto di quanto sia bella TUTTA la nostra ITALIA, dall'estremo lembo di terra siciliana fino alla più alta vetta delle Alpi... E quando tutto il marcio verrà eliminato sarà ancora più bella !!! "La patria non si baratta e nè si vende a nessuno", è più attuale di quanto tu possa credere...

    RispondiElimina
  7. Mi sfugge il concetto. E' bella anche la foresta amazzonica o l'Islanda e allora? Le bellezze naturali o i resti archeologici non c'entrano niente con il concetto di "patria", tanto più ATTUALMENTE quando si suggerisce di allargare la cittadinanza italiana a chiunque voglia risiedere in Italia.

    Gli Italiani non hanno mai avuto il concetto di Nazione, è solo una fuffa che viene tirata fuori di tanto in tanto per la convenienza di questo o di quello.

    La retorica patriottica è stata adoperata nelle seguenti occasioni:
    - quando il Regno di Savoia voleva annettersi nuovi possedimenti.
    - dopo la disfatta di Caporetto, quando i Comandi italiani si resero conto che i soldati, oltre che non capirsi tra di loro perché tra nord e sud ci voleva l'interprete, non avevano nessuna idea del perché si trovassero in trincea.
    - dopo la fine della Grande Guerra quando l'Italia stava morendo di fame, riciclando l'indottrinamento compiuto sui reduci per mettere in piedi il Fascismo e nel seguente ventennio.
    - dopo la caduta del Muro di Berlino quando al PCI è venuto a mancare il progetto di rovesciare la democrazia borghese per sostituirla con la dittatura del proletariato.

    L'assetto attuale della Repubblica, a partire dalla Costituzione, non è figlio di Garibaldi ma piuttosto della occupazione americana e della seguente guerra fredda. La democrazia ci è stata imposta a cannonate e mantenuta col controllo militare e politico.

    Poi se a te piace vivere a Fantasilandia con gli uccellini che fanno cip cip sugli alberi, per me va bene.

    RispondiElimina
  8. Scusa il ritardo nella risposta... Mi dispiace per te, purtroppo, ma credo che tu non abbia capito bene il concetto, l'assetto della Nostra Italia è il frutto della nostra storia recente, bella o brutta che sia, ma se vogliamo vivere in un paese migliore, forse, dovremmo anche imparare qualcosa anche da un detto Americano, in cui si diceva:" Non chiedere cosa il tuo paese può fare per te, ma cosa tu puoi fare per il tuo paese", mentre qui in Italia fino ad ora è un tutto contro tutti, tutti pensano di essere migliori degli altri, rinnegando la propria nazionalità Linguistica, Religiosa e Culturale. Se poi parliamo di Patria, quale è la Tua??? La patania???Non so, Se si, scusami allora non sono io che vivo a fantasilandia, ma sei tu che vivi nei pressi di paperopoli... E la chiudo qui.

    RispondiElimina
  9. http://intornoalpensiero.blogspot.com/2011/03/alla-faccia-di-chi-vuole-dividere.html

    RispondiElimina
  10. Ecco, hai citato un bell'esempio.
    L'aforisma è di Kennedy, pronunciato nel discorso inaugurale della sua presidenza del 1961, non è un "detto americano".

    E ti sfugge un concetto fondamentale, gli Americani diventano Americani proprio rinnegando la propria "nazionalità linguistica, religiosa e culturale".
    La cittadinanza americana è basata sul "diritto di suolo", contrariamente alla tradizione europea del "diritto di sangue" e quindi sulla condivisione del "way of life". Gli Americani non hanno la parola "patria", cioè la terra dei padri, degli antenati, invece dicono "homeland", cioè il posto dove hai la casa, dove hai scelto di vivere.

    Come ho detto, non è stato Garibaldi a fare l'Italia, lui ha lavorato come mercenario per i Savoia, secondo la antica tradizione dei capitani di ventura. E nella frase da te citata sopra (la patria non si baratta), si lamentava appunto che Cavour come ringraziamento avesse ceduto alla Francia la sua terra natale.

    L'Italia come Nazione è stata fatta nei primi anni del '900 prima nelle trincee e poi durante il ventennio fascista. L'Italia come Repubblica è stata creata dagli Americani quando l'alternativa era una "Repubblica Democratica" sotto controllo sovietico.

    Vorrei dirti che ognuno ha diritto alle sue opinioni ma in questo caso il tuo è un riflesso condizionato.

    RispondiElimina
  11. Mi dispiace Lorenzo, anche se non sono un Nazionalista ne senso più estremista del termine : LA PATRIA NON SI BARATTA, NE' SI VENDE!! Personalmente io sono orgoglioso di essere Italiano, sono orgoglioso di Milano, Torino, Firenze, Roma, Cosenza, Bari, Palermo e Cagliari. Tutti insieme siamo una bellissima squadra Vincente, come ti ho detto prima dobbiamo cacciare chi le Partite se le vende, parlando in termini calcistici!!!

    RispondiElimina
  12. Torno a dirti che Garibaldi ha fatto la sua sparata ma la "patria" l'hanno effettivamente VENDUTA, infatti Nizza adesso è francese. Quindi si dimostra che la patria si baratta e si vende.

    Si, siamo una squadra vincente e si vede.
    Le comiche.

    RispondiElimina
  13. Ed io torno a dirti che sono orgoglioso di essere Italiano, sono orgoglioso di Milano, Torino, Firenze, Roma, Cosenza, Bari, Palermo e Cagliari. Tutti insieme siamo una bellissima squadra Vincente (Cultura , storia, arte, monumenti, ecc..) Se poi tu pensi di essere orgoglioso del formaggino verde (tangentato) è forse un tuo problema e della tua coscienza !!!

    RispondiElimina
  14. No, il mio problema è solo il fatto che la "squadra vincente" è in bancarotta.

    RispondiElimina
  15. E tu che fai ??? Abbandoni ??? E troppo facile abbandondonare....

    RispondiElimina
  16. Se fossi più furbo e avessi più palle, sarei emigrato tempo fa, ormai è tardi. Adesso vorrei dire che esiste l'opzione di salvare il salvabile ma in realtà non ci credo. La tua "squadra vincente" è già retrocessa. I problemi sono sostanzialmente irrisolvibili per via democratica, cioè senza passare da un'altra apocalisse. Per cui attendo l'inevitabile. Solo mi infastidisce la retorica patriottica quando stiamo affogando nella nostra cacca.

    RispondiElimina
  17. Forse anche perchè ami la tua terra ed i tuoi affetti ??? E poi dopo ben 16 commenti tra botte e risposte tu attendi l'inevitabile??? Non credo che tu sia una persona per niente arrendevole, anzi. Per il resto a me infastidisce il volta-bandiera di tanti Italiani, che quando le cose vanno male sono sempre pronti a cambiare Barca... Non ti incaponire, dire che siamo nella C.... e dividerci non aiuta credimi, ma uniti e convinti se ne esce prima.

    RispondiElimina
  18. Io invece dire che quando un matrimonio non funziona è ora di andare ognuno per la sua strada, prima che finisca a coltellate.

    RispondiElimina
  19. Lorenzo questo non è un matrimonio, è un'appartenenza! Ad esempio cambieresti la tua lingua ??? Vieteresti ai tuoi figli di parlare Italiano??? Cambieresti il tuo Nome??? No Lorenzo.... Basta con stupidi Egoismi Regionalisti!!!

    RispondiElimina
  20. Come ho detto l'italiano è una lingua artificiale imposta tramite l'insegnamento nelle scuole proprio la fine di eradicare le culture locali.

    Wikipedia recita:
    "A questo punto si deve a un altro pioniere della lingua italiana, Alessandro Manzoni, l'aver adottato il fiorentino come lingua ufficiale dell'Italia, che proprio allora stava nascendo come nazione. La sua decisione di donare una lingua comune alla nuova patria, da lui riassunta nel celebre proposito di «sciacquare i panni in Arno», fu il principale contributo di Manzoni alla causa del Risorgimento."
    Che ovviamente è la versione edulcorata di quello che ho scritto sopra. Inutile dire che Manzoni non parlava fiorentino come lingua madre.

    Fino ad oggi quello che è stato vietato è stato l'uso delle lingue locali, non dell'italiano. L'esatto contrario di quello che stai dicendo.

    Riguardo il nome, non vedo dove sia il problema. Oltre il famoso Lorenzo de' Medici (io sono per metà toscano), è esistito anche un doge di Venezia che si chiamava esattamente come me, Lorenzo Celsi. Non è che i nomi se li sono inventati Garibaldi e Vittorio Emanuele o Mussolini, insieme alla romanità di cartapesta.

    RispondiElimina
  21. E quindi ??? Ma cosa dici.... I dialetti Italiani( come del resto le lingue Romaniche, come il Francese, lo Spagnolo e il Portoghese) e la costruzione grammaticale di altre lingue quali l'Inglese e il Tedesco, sono di derivazione Latina, che è stata IMPOSTA col sangue della conquista romana... E allora anche loro sono artificiali??? Tu sei artificiale ??? Anche le Religioni sono state imposte ??? Compreso il Cattolicesimo in Sud America, e allora ??? I sud Americani credono in una religione ARTIFICIALE ??? Non rinnegare quello che sei !!! Un Italiano !!! Ragionaci su amico mio che in questo tuo ultimo commento non l'hai per nulla fatto....

    RispondiElimina
  22. Non ho capito su cosa devo ragionare esattamente.
    Nelle lingue locali, cosi come nell'italiano, esistono portati di diverse lingue, il greco, l'arabo, il longobardo, eccetera. Basta vedere i toponimi. Cosi come in Italia convivono popolazioni di etnia differente.

    Ma qui non si contesta la Storia, si contesta il fatto che da questa storia si possa distillare il concetto di "italianità".

    L'unificazione non è stata un "risorgimento", cioè la presa di coscienza di una popolazione che si rende indipendente, è stata una guerra di conquista da parte dei Savoia nei confronti degli altri "regni" in cui al tempo l'Italia era suddivisa. E la cosa ridicola è che poi la retorica patriottica non cita gli eventi del "risorgimento" ma le imprese degli Scipioni contro Cartagine (vedi l'inno di Mameli).

    Continui a fare esempi di cui non ti rendi conto, come quello di Kennedy e degli Americani sopra. Nel caso del Sud America si parla non a caso di "conquistadores", cioè i conquistatori. I quali hanno preso il controllo di quel continente demolendo le civiltà native, distruggendone la lingua e la cultura e imponendo tra le altre cose anche la religione cattolica a fil di spada.

    Facciamo il caso che Hitler fosse riuscito ad instaurare il Terzo Reich, a quest'ora in Europa la lingua ufficiale sarebbe il tedesco e tu ti sentiresti tutto "germanico" ed erede di Sigfrido invece che degli Scipioni.

    Comunque questo discorso è inutile perché la tua è una fede, una metafisica, per cui credi alla "italianità" come uno può credere allo Spirito Santo.

    RispondiElimina
  23. Puoi girarci intorno quanto credi, e come vuoi... Prima affermi che la lingua Italiana era artificiale e ora parli di un finto risorgimento... Forse la 5 giornate di Milano, Brescia Leonessa d'Italia, e in tutti gli altri episodi Risorgimentali cosa sventolavano quelli che io definisco Patrioti ??? La bandiera Italiana !!! O mi sbaglio??? Quanti sono deceduti nel nord per avere l'indipendenza nei moti risorgimentali sono morti con la Bandiera Italiana nel cuore (quella che tu ora rinneghi.... Puoi appellarti a quello che vuoi ma l'unica cosa a cui devi spiegazioni è solo la tua coscienza....

    RispondiElimina

Etichette

Abruzzo (5) Acqua (38) Adriano Celentano (2) alberto sordi (3) Alda Merini (3) Alieni (3) Alpini (1) Amazzonia (8) Ambiente (184) Amore (28) Animali (79) Antonello Venditti (1) Anziani (6) Api (1) Art. 18 (9) Arte (11) attentato (26) Auguri (35) Australia (1) Autunno (2) Bambini Scomparsi (10) Banche (4) Battiato (1) Bellissima Italia (42) Benedetto XVI (1) Beppe Grillo (8) Bismarck (2) blog (234) Bocelli (1) Bolzano (1) Borsellino (3) Boston (1) Branduardi (1) Brasile (1) Caccia (25) Calabria (14) Calcio (5) Camorra (23) Campania (4) Canada (1) Cane (1) Carabinieri (7) cartoni animati (2) Chiesa (12) cibo biologico (8) Cicogna (3) Cile (1) Cina. (7) Claudio Villa (1) Colombia (1) Corpo Forestale (9) Costituzione Italiana (33) croce (20) Cronaca (3) Cultura (16) Danimarca (1) De andrè (2) Delfini (1) Discariche (10) Domenica (5) Don Camillo e Peppone (3) Droga (8) economia (76) Emilia Romagna (7) emozioni (108) energia (25) Enpa (4) esercito (18) Estate (9) estinzione (22) Europa (38) Europa schengen  Danimarca (1) Europa schengen (2) Falcone (1) Famiglia (2) Farfalle (2) Ferragosto (6) festa della mamma (2) film (9) Finanza (2) firenze (6) Fiumi (4) Foibe (2) Fotografie (3) Francesco I (5) Francia (9) Fulvio Frisone (1) Gatti (4) Genova (4) Germania (8) Gesù (6) Gheddafi (8) Giappone (12) Giorgio Gaber (1) Giovanni Paolo II (5) Gratis (1) Grecia (6) Greenpeace (2) Guardia di Finanza (15) guerra (31) Halloween (1) Henry Ford (1) Huxley (1) i racconti della rete (5) imu (5) India (1) Inghilterra (8) Inghilterra. (9) Internet (2) Irlanda (1) Italia (236) Ivano Fossati (1) Jacques Prèvert (1) Japan (5) Jean Debruynne (1) Kahlil Gibran (10) lavoro (24) Legambiente (16) Libia (8) libri (11) Lipu (11) litfiba (1) Livorno (1) Lucio Dalla (1) Luna (4) mafia (31) Mango (1) Marche (2) mare (51) Mariangela Melato (1) Marina Militare (3) Marte (3) medicina (16) Melissa Bassi (1) Merkel (1) Messico (3) Metallica (2) Milano (9) militari (22) Mina (1) miracolo (9) Mostre (2) Music for children (6) musica (65) Napoli (6) Nasa (3) Natale (15) Navi (1) Nazismo (4) Ndrangheta (22) Nigeria (1) nil difficile volenti (59) Nino Manfredi (1) No China (2) no nucleare (31) Non mi piace (62) Novembre (3) Olimpiadi (4) Orso (6) Osama Bin Laden (1) oslo (1) pasqua (4) Pensieri (4) Pensiero Naturale del giorno (193) Piante (28) Piemonte (2) Pino Daniele (1) pizzica (1) poesie (32) Politica (50) Polizia. (20) Pompei (2) precariato (16) Primavera (1) prostituzione (6) psicoland (66) Puffi (1) Puglia (15) racconti (11) Razzismo (8) referendum (6) Religione. (25) resurrezione (2) Riccardo Cocciante (2) Ricerca (16) Rino Gaetano (4) Rita Levi-Montalcini (2) Roberto Benigni (1) Robin Hood (1) Roma (47) Rossella Urru (4) Salute (36) Salute. Inquinamento (51) salvatela (11) San Francesco d'Assisi (5) Sandra Savaglio (1) Sandro Pertini (1) Sanità Italiana (7) Sardegna (10) Scuola (16) Si può fare (11) Sicilia (17) sogno (17) solidarietà (22) Spagna (2) Sport (7) Stati Uniti (23) storia (29) Strage (35) Svezia (1) tartarughe (3) Televisione (11) tempi moderni (109) Terremoto (4) tonni (2) Torino (1) Totò (1) Trieste (2) Trilussa (2) Turismo (18) Uccelli (10) Ucraina (1) Udine (2) Umbria (2) Unione Europea (28) uomini e donne di valore (33) Van De Sfroos (1) Venezia (4) vergogna (82) Video (2) Violenza (48) WEB (2) William Shakespeare (2) WWF (13) zombie (2)