Descrizione

UN PICCOLO SPACCATO DELLA NOSTRA SOCIETA' IN CONTINUA EVOLUZIONE, CON UN OCCHIO DI RIGUARDO AL RISPETTO DELLE PERSONE E ALLA NOSTRA MADRE TERRA...

seguimi

SEGUI E VOTA PENSIERO NATURALE SU :

Evasione Fiscale

ANCHE IL CITTADINO DEVE PARTECIPARE ALLA LOTTA ALL'EVASIONE FISCALE RICHIEDI SEMPRE LO SCONTRINO E/O RICEVUTA FISCALE, E' UN TUO DIRITTO!!!

Lettori fissi

venerdì 20 gennaio 2012

Il Marat, un angelo in cerca di una famiglia da Amare....

Gli utimi spiragli di sole stavano finendo di abbracciare la mia piccola città, guardavo meravigliato, dopo tanto tempo, i colori del cielo serale.
Cercavo conforto in quella visione, ma le lacrime continuavano a scendere, erano fuori dal mio controllo, solo il cuore le comanda.
Prima tutto era perfetto, un lavoro, una famiglia ed una casa che, anche se coperta da 30 anni di mutuo, era nostra.
E ora ???
Tutto sembra andare a rotoli, licenziato dal lavoro, per colpa di questa maledetta crisi, la gravidanza non facile di mia moglie e le rate del mutuo che ora non posso più pagare.
Cosa fare??
Ho cercato lavoro senza mai fermarmi un momento, ma nulla, le risposte: "siamo completi", o peggio, "stiamo chiudendo anche noi l'azienda".
Il futuro è nero e vuoto, vorrei tornare a casa, ma gli occhi tristi di mia moglie, sdraiata sul letto ad aspettarmi, sono delle lame che mi trafiggono l'anima, il cuore e la carne.
Prima che uscissi mi chiese se al ritorno potevo portale dei cioccolatini, ma non ho un centesimo nemmeno per comprale due miseri dolci.
Sono ore che vago, penso a tutto ed al contrario di tutto, certo ho pensato anche al suicidio, ma poi?? Lascerei mia moglie e la mia piccola bambina che sta per nascere, in quale situazione?? No, non posso, non posso per l'amore che provo per loro, voglio vedere i sorrisi di mia moglie e voglio conoscere gli occhi di mia figlia...
Ormai sono arrivato vicino alla mia vecchia fabbrica, è tutta buia, luci e macchine ormai sono spente, i ricordi affiorano, i vecchi compagni, la pausa in mensa, gli odori e le voci, era un essere vivente, ma ora è morta anche lei.
Perso nei miei pensieri mi siedo sui gradini dell'ingresso della Fabbrica, sono piuttosto stanco, e a casa mia moglie avrà gia riscaldato il minestrone, ma dove trovo il coraggio di tornare a casa?? D'improvviso una voce familiare mi chiama distogliendomi dai miei persieri.
Era il Marat, un vecchio operaio in pensione da tanti anni, lui che in quella fabbrica ci aveva lavorato una vita, e forse perchè ormai vedovo e senza figli, ogni tanto ne sentiva la mancanza, e alla sera si incamminava per rivedela.
Il vecchio si sedette al mio fianco, chiedendomi cosa mi sia successo ed il perchè a quell'ora mi trovavo li fermo all'umido.
Gli raccontai tutto, e che avevo anche pensato al suicidio.

Il Marat mi ascoltava silenzioso accarezzandosi la barba imbiacata, non mi interruppe, ascoltò solamente, dopo che finii di raccontare tutto si alzò e disse:" Su Luigin alzati che ti faccio compagnia fino a casa, andiamo che quest'aria umida non ci fa bene".
Mentre silenziosamente ci incamminavamo verso casa, lo vedevo riflettere, arrivati in Via Roma, le luci della città si stavano spegnendo e i negozianti stavano cominciando a chiudere le saracinesche.
D'improvviso, come un fulmine, il Marat scomparve dal mio fianco e si infilò in una pasticceria, l'unica, forse, ancora aperta, e dopo alcuni minuti ne uscì con un vassoio di dolci e cioccolatini, si avvicinò lentamente e quasi come a chiedermi scusa, disse:" Perdonami, questo è un piccolo dono per tua moglie e la bambina che ha nel grembo, ti prego accettalo", mentre mi diceva questo aveva gli occhi lucidi.
Rimasi fermo, quasi impietrito da questo gesto, poi lo abbracciai piangendo.
Lui continuò a rincuorarmi: "vedrai tutto si aggiusterà, abbi fede, vedrai".
Mi accompagnò fin sotto casa, mi salutò e poi continuò il suo cammino....
Pensai mille cose, ma ora avevo il cuore in gola, ero felice per la gioia di mia moglie nel vedere i dolci...
E così fu, passamo una bellissima serata, vidi finalmente, di nuovo, il meraviglioso sorriso di mia moglie, i suoi occhi, da tormento, divennero un sollievo d'amore.
Quella sera fu davvero speciale, mi rincuorò, mi diede una speranza, la speranza di farcela, povero Marat non so come ringraziarti pensai prima di addormentarmi.

L'indomani mi alzai presto, pronto per continuare la mia ricerca di lavoro, dovevo farcela, scesi subito, quando sorpreso trovai il vecchio Marat, fermo a sorseggiare un caffè proprio nel Bar sotto casa.
Si girò lentamente, e vedendomi mi chiamò:" Oh Luigin, vieni che ci prendiamo un caffè", lo raggiunsi e, prima che riuscissi a salutarlo e dire qualsiasi altra cosa, ordinò il caffè per me, e poi guardandomi dritto disse:" Luigin, prendi il caffè, abbiamo un paio di cosette da fare, ed è già tardi", poi mi fece l'occhietto.
Presi il caffè ed uscimmo dal bar, non disse nulla, lo seguii perplesso, cosa aveva in mente?? Il Marat in fabrica era conosciuto per essere abbastanza risoluto nelle sue decisioni e per essere stato un "comunistaccio" vecchia maniera, alla Peppone de:" Don Camillo".
Salimmo su un pulman diretto fuori città, scendemmo al capolinea, e a piedi arrivammo di fronte ad un capannone, era un'azienda di trasporti, salutò alcune persone e poi mi disse di aspettare, mentre entrava in un ufficio.
Cosa successe li dentro non potrei mai dirlo, ma le urla che ne uscivano si sentivano benissimo, la voce del Marat sembrava far tremare le lamiere...
D'improvviso tutto si acquietò, non si sentì più nulla, ed i minuti passavano veloci, che quasi mi preoccupai che li dentro si fossero ammazzati, ma non fu così, la porta si aprì di scatto ed il Marat ne uscì abbracciato ad un'altro uomo ridendo e scherzando.
Quell'uomo mi sorprese ancora una volta.
Il Marat mi presentò il suo amico, un omone con dei folti baffi a manubrio:" Luigin questo e Salvatore, il proprietario di questa azienda, è un mio vecchio amico, e' di Bari, ma ormai vive qui da oltre trenta anni, ha lavorato nella nostra fabbrica per tanti anni, poi si licenzio' e con i soldi della liquidazione, ha aperto quest'azienda", così mentre mi parlava entrammo in ufficio.
L'omone si sedette e, incredibilmente, mi mise d'avanti un contratto di lavoro.
Mancava solo la mia firma, guardai il Mariot che mi sorrise, firmai: " Avevo di nuovo un lavoro"!!!
Salvatore poi si alzo' e disse che domani avrei iniziato a lavorare, e che oggi potevo tornare a casa da mia moglie per festeggiare.
Potevo andare???? come i due mi comminarono corsi come un matto, dovevo dirlo a mia moglie, che tutto era a posto, ora potevamo tornare ad essere felici, e tutto questo grazie al Marat.

Dalla sera dell'incontro col Marat tutta la mia vita cambio', ma anche quella del Marat stesso cambio', io ero orfano, i miei genitori morirono in un incidente quando avevo quattro anni, e sono stato cresciuto dai nonni, ma in Marat trovai un Nuovo Padre, si interesso' della gravidanza di mia moglie, quando poteva passava a trovarci, e lo stesso facevamo noi verso di lui, cosi' al tempo stesso il Marat trovo' un figlio.
Lui che ancora si sentiva un Comunista mangiapreti, aveva sempre evitato di entrare in chiesa, salvo caso eccezionali, come alla morte dell'amore della sua vita, la signora Elvira, accetto' con entusiasmo quando gli chiedemmo se volesse essere il Padrino di battesimo della nostra di Elvira, e si chiamammo nostra figlia così in suo onore..
Gli anni passarono felici, e ora il Marat non c'è più, ma credo che sia stato felice di aver riscoperto in noi LA SUA FAMIGLIA!!!

8 commenti:

  1. Wow, non sò se il tuo è un racconto di fantasia o è la tua vita ma....cavolo mi hai fatto commuovere. In ogni caso complimenti, Ilaria

    RispondiElimina
  2. @ ilaria: grazie e piacere di conoscerti, questo e' solo un racconto, in cui ho cercato di inserire l'unico vero bisogno dell'uomo, cioè l'amore..... Ciao e grazie ancora :)

    RispondiElimina
  3. Bravo Max... racconto sentito
    ma non mettere troppi punti di domanda assieme, attento alle eufoniche e anche ai tre ... di sospensione:-)

    RispondiElimina
  4. Grazie Mister Ferru, ci tenevo ad avere un tuo parere :) un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. A max lo sai non faccio testo, sei amico vero, non mi far commuovere. Pensi che non possa leggere dietro le righe?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. bellissima... caro max! In questa storia, leggo un messaggio grandissimo e cioè di non mollare mai e di avere sempre la speranza che le cose possano cambiare nella vita. Pensa che bello sarebbe se le persone che non ci sono più, perchè hanno mollato, avessero trovato il loro marat!Adesso sarebbero tra noi, amati dai loro amici e parenti. A questa storia, abbinerei una canzone stupenda cantata dai Negramaro " Meraviglioso"!

    RispondiElimina
  7. Già.."solo il cuore le comanda".. un susseguirsi di righe piene di realismo, speranza, amore... niente di meglio! ;) bravo cug! un bacione, Eleonora.

    RispondiElimina
  8. Gran bel racconto, Max, pieno di significati, quali l'amore verso la famiglia, la sofferenza per una vita che può apparire ostica, ma che in realtà dietro ad ogni difficoltà ti può far trovare la forza di guardare avanti...oltre e non lasciarsi andare alla rassegnazione..."la VITA è bella e vale la pena di godersela anche nei momenti difficili", inoltre la tenerezza di un uomo(il marat) che con alto valore dell'amicizia decide di rendersi utile a questa causa, forse anche, perchè in cuor suo decide di abbracciare una famiglia che potrebbe essere la sua, la gratitudine di Luigin e della propria moglie che anche loro abbracciano quest'uomo rimasto solo e gli regalano una nipotina battezzata col nome della sua moglie, che un pò la farà rivevere nei suoi okki. Ecco questo racconto può essere da monito per tante persone che pensano di farla finita e che non c'è più spazio per loro su questa terra...bisogna lottare sempre, anche quando tutto sembra perduto!!!
    Amare ed essere amati, accerchiarsi di persone che ti vogliono bene, ti aiuteranno a non restare mai soli, causa che contribuisce a mollare.
    Ciao Max, lucky

    RispondiElimina

Etichette

Abruzzo (5) Acqua (38) Adriano Celentano (2) alberto sordi (3) Alda Merini (3) Alieni (3) Alpini (1) Amazzonia (8) Ambiente (184) Amore (28) Animali (79) Antonello Venditti (1) Anziani (6) Api (1) Art. 18 (9) Arte (11) attentato (26) Auguri (35) Australia (1) Autunno (2) Bambini Scomparsi (10) Banche (4) Battiato (1) Bellissima Italia (42) Benedetto XVI (1) Beppe Grillo (8) Bismarck (2) blog (234) Bocelli (1) Bolzano (1) Borsellino (3) Boston (1) Branduardi (1) Brasile (1) Caccia (25) Calabria (14) Calcio (5) Camorra (23) Campania (4) Canada (1) Cane (1) Carabinieri (7) cartoni animati (2) Chiesa (12) cibo biologico (8) Cicogna (3) Cile (1) Cina. (7) Claudio Villa (1) Colombia (1) Corpo Forestale (9) Costituzione Italiana (33) croce (20) Cronaca (3) Cultura (16) Danimarca (1) De andrè (2) Delfini (1) Discariche (10) Domenica (5) Don Camillo e Peppone (3) Droga (8) economia (76) Emilia Romagna (7) emozioni (108) energia (25) Enpa (4) esercito (18) Estate (9) estinzione (22) Europa (38) Europa schengen  Danimarca (1) Europa schengen (2) Falcone (1) Famiglia (2) Farfalle (2) Ferragosto (6) festa della mamma (2) film (9) Finanza (2) firenze (6) Fiumi (4) Foibe (2) Fotografie (3) Francesco I (5) Francia (9) Fulvio Frisone (1) Gatti (4) Genova (4) Germania (8) Gesù (6) Gheddafi (8) Giappone (12) Giorgio Gaber (1) Giovanni Paolo II (5) Gratis (1) Grecia (6) Greenpeace (2) Guardia di Finanza (15) guerra (31) Halloween (1) Henry Ford (1) Huxley (1) i racconti della rete (5) imu (5) India (1) Inghilterra (8) Inghilterra. (9) Internet (2) Irlanda (1) Italia (236) Ivano Fossati (1) Jacques Prèvert (1) Japan (5) Jean Debruynne (1) Kahlil Gibran (10) lavoro (24) Legambiente (16) Libia (8) libri (11) Lipu (11) litfiba (1) Livorno (1) Lucio Dalla (1) Luna (4) mafia (31) Mango (1) Marche (2) mare (51) Mariangela Melato (1) Marina Militare (3) Marte (3) medicina (16) Melissa Bassi (1) Merkel (1) Messico (3) Metallica (2) Milano (9) militari (22) Mina (1) miracolo (9) Mostre (2) Music for children (6) musica (65) Napoli (6) Nasa (3) Natale (15) Navi (1) Nazismo (4) Ndrangheta (22) Nigeria (1) nil difficile volenti (59) Nino Manfredi (1) No China (2) no nucleare (31) Non mi piace (62) Novembre (3) Olimpiadi (4) Orso (6) Osama Bin Laden (1) oslo (1) pasqua (4) Pensieri (4) Pensiero Naturale del giorno (193) Piante (28) Piemonte (2) Pino Daniele (1) pizzica (1) poesie (32) Politica (50) Polizia. (20) Pompei (2) precariato (16) Primavera (1) prostituzione (6) psicoland (66) Puffi (1) Puglia (15) racconti (11) Razzismo (8) referendum (6) Religione. (25) resurrezione (2) Riccardo Cocciante (2) Ricerca (16) Rino Gaetano (4) Rita Levi-Montalcini (2) Roberto Benigni (1) Robin Hood (1) Roma (47) Rossella Urru (4) Salute (36) Salute. Inquinamento (51) salvatela (11) San Francesco d'Assisi (5) Sandra Savaglio (1) Sandro Pertini (1) Sanità Italiana (7) Sardegna (10) Scuola (16) Si può fare (11) Sicilia (17) sogno (17) solidarietà (22) Spagna (2) Sport (7) Stati Uniti (23) storia (29) Strage (35) Svezia (1) tartarughe (3) Televisione (11) tempi moderni (109) Terremoto (4) tonni (2) Torino (1) Totò (1) Trieste (2) Trilussa (2) Turismo (18) Uccelli (10) Ucraina (1) Udine (2) Umbria (2) Unione Europea (28) uomini e donne di valore (33) Van De Sfroos (1) Venezia (4) vergogna (82) Video (2) Violenza (48) WEB (2) William Shakespeare (2) WWF (13) zombie (2)